Chiarimenti sul DGUE dopo il 18 ottobre

Il 23 ottobre l’Agid ha pubblicato alcuni, quantomai opportuni, chiarimenti sulle modalità di utilizzo del DGUE (Documento di Gara Unico Europeo) da parte delle Stazioni Appalti e Operatori Economici.

In sostanza, viene ribadito che anche dopo il 18 ottobre 2018, data fatidica del passaggio integrale al “telematico”, è consentito

l’utilizzo del DGUE in formati digitali non strutturati (e quindi diversi dall’XML), come ad esempio il formato pdf in conformità con le previsioni del Codice dell’Amministrazione Digitale.

L’articolo si conclude con un’affermazione che suona “provocatoria”:

<<Le linee guida contenenti le regole tecniche per la predisposizione del DGUE nel formato strutturato (XML) saranno emanate da AGID a seguito dell’aggiornamento della Circolare n. 3 del 18 luglio 2016 da parte del Ministero per le Infrastrutture e i Trasporti.>>

Attendiamo, dunque, prima l’aggiornamento dei campi del DGUE, al fine di renderli coerenti con la normativa vigente, che dovrà avvenire ad opera del MIT.

clicca qui per leggere l’articolo dal titolo “Codice dei contratti pubblici: cosa cambia nelle procedure di acquisto e negoziazione”