Manifestazioni d’interesse: previsioni da evitare secondo ANAC

La recente consultazione ANAC in merito all’aggiornamento delle Linee guida n. 4, ci permette di segnalare alcune criticità emerse all’esito dell’attività di vigilanza svolta dagli uffici preposti dell’Autorità.

In particolare, nonostante il consolidato orientamento dell’Autorità in materia, la stessa ha riscontrato che, con frequenza, l’applicazione della normativa in materia di affidamenti sotto-soglia avviene in maniera “distorta”.

L’Autorità ha quindi indicato le previsioni più frequentemente riscontrate negli avvisi di manifestazione di interesse per l’individuazione degli operatori da invitare alle procedure negoziate e che andrebbero evitate:

  • la richiesta di requisiti aggiuntivi ulteriori rispetto all’attestazione SOA;
  • l’adozione del criterio cronologico basato sull’ordine di arrivo delle domande di partecipazione, per la selezione degli operatori da invitare;
  • l’adozione del criterio della prossimità della sede legale rispetto al luogo di esecuzione della prestazione, per la selezione degli operatori da invitare.

Sul punto, l’Autorità ha però anche chiesto agli Stakeholder di esprimere le proprie valutazioni e di indicare eventuali altri suggerimenti utili.