L’operatore aggiudicatario e poi escluso ha interesse a visionare l’offerta del nuovo aggiudicatario?

Come da oggetto, fra i diversi temi d’interesse trattati nella pronuncia in commento, si intende attenzionare il profilo attinente la domanda istruttoria, formulata dalla parte ricorrente, di accesso ai documenti costituenti l’offerta tecnica ed economica della società risultata, dopo l’esclusione di quest’ultima, aggiudicataria della procedura.

I fatti in commento muovono, infatti, dal ricorso presentato da un RTI costituendo che, dopo essersi collocato al primo posto e aggiudicatosi la procedura, a seguito dei controlli di rito, veniva escluso.

Oltre ad impugnare tutti i provvedimenti adottati dalla Stazione appaltante, la ricorrente, per quel che qui interessa evidenziare, richiedeva con specifica domanda istruttoria, anche l’accesso ai documenti costituenti l’offerta tecnica ed economica della società risultata aggiudicataria dopo la propria esclusione.

Il Collegio, dopo aver dichiarato “esente da censure” il provvedimento di esclusione adottato dalla Stazione appaltante e respinto, quindi, il ricorso principale, ha ricordato il principio consolidato secondo cui

nelle controversie riguardanti l’affidamento dei contratti pubblici la legittimazione a ricorrere spetti esclusivamente ai partecipanti alla gara, poiché soltanto in tal modo si acquisisce una posizione sostanziale differenziata e meritevole di tutela, sia dell’interesse finale al conseguimento dell’appalto, sia di quello strumentale alla caducazione dell’intera gara e alla sua riedizione (cfr. Cons. Stato, A.P n. 4/2018).

e pertanto

L’esclusione dalla procedura priva quindi il concorrente della posizione legittimante a sindacare il successivo svolgimento della gara e lo pone in una posizione di titolare di interesse di fatto, al pari di qualsiasi altro operatore economico che non abbia partecipato alla gara.

E’, quindi, per le medesime ragioni che anche la domanda istruttoria di accesso ai documenti costituenti l’offerta tecnica ed economica della società aggiudicataria del servizio non è stata accolta poiché la ricorrente, esclusa dalla gara, non ha alcun interesse sostanziale da difendere nella gara.

Scarica la sentenza TAR Lazio, sez. III ter, del 23.07.2019, n. 9832