Provvedimento di ammissione/esclusione: deve essere ancora pubblicato?

Il c.d. “Decreto sblocca cantieri” (d.l. n. 32/2019 in vigore dal 19/04/2019) all’art. 1, comma 1, lettera C dispone che:

<<c) all’articolo 29, comma 1, il secondo, il terzo e il quarto periodo sono soppressi;>>

Vengono, pertanto, rimossi, dall’art. 29 del Codice i seguenti periodi:

Al fine di consentire l’eventuale proposizione del ricorso ai sensi dell’articolo 120, comma 2-bis, del codice del processo amministrativo, sono altresì pubblicati, nei successivi due giorni dalla data di adozione dei relativi atti, il provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni all’esito della verifica della documentazione attestante l’assenza dei motivi di esclusione di cui all’articolo 80, nonché la sussistenza dei requisiti economico-finanziari e tecnico-professionali. Entro il medesimo termine di due giorni è dato avviso ai candidati e concorrenti, con le modalità di cui all’articolo 5-bis del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante il Codice dell’amministrazione digitale o strumento analogo negli altri Stati membri, di detto provvedimento, indicando l’ufficio o il collegamento informatico ad accesso riservato dove sono disponibili i relativi atti. Il termine per l’impugnativa di cui al citato articolo 120, comma 2-bis, decorre dal momento in cui gli atti di cui al secondo periodo sono resi in concreto disponibili, corredati di motivazione.

Quid iuris: è ancora obbligatoria, dunque, la pubblicazione del provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni?

Ad avviso di chi scrive la risposta è AFFERMATIVA, in quanto è il primo periodo del comma 1 dell’art. 29 che dispone la pubblicazione di TUTTI GLI ATTI RELATIVI ALLE PROCEDURE PER L’AFFIDAMENTO DI APPALTI PUBBLICI.

Infatti, il primo periodo del primo comma dell’art. 29 prevede che:

<<Tutti gli atti delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori relativi alla programmazione di lavori, opere, servizi e forniture, nonché alle procedure per l’affidamento di appalti pubblici di servizi, forniture, lavori e opere, di concorsi pubblici di progettazione, di concorsi di idee e di concessioni, compresi quelli tra enti nell’ambito del settore pubblico di cui all’articolo 5, alla composizione della commissione giudicatrice e ai curricula dei suoi componenti, ove non considerati riservati ai sensi dell’articolo 53 ovvero secretati ai sensi dell’articolo 162, devono essere pubblicati e aggiornati sul profilo del committente, nella sezione “Amministrazione trasparente” con l’applicazione delle disposizioni di cui al decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.>>

Sembra pacifico che, nonostante l’abrogazione dell’inciso del secondo periodo, riferibile all’abrogazione del c.d. rito “super accelerato”, l’atto che determina le ammissioni e/o le esclusioni debba continuare ad essere pubblicato ed anche comunicato (ai sensi del nuovo comma 2-bis dell’art. 76).