Sblocca Cantieri: approvato il testo finale al senato

Rimandando ad un successivo approfondimento per le numerose modifiche all’originario testo (in calce il testo approvato in .pdf), ci si chiede, nel frattempo, cosa si debba intendere con la seguente riformulazione dell’art. 36, comma 2, lettera b) del Codice:

b) per affidamenti di importo pari o superiore a 40.000 euro e inferiore a 150.000 euro per i lavori, o alle soglie di cui all’articolo 35 per le forniture e i servizi, mediante affidamento diretto previa valutazione di tre preventivi, ove esistenti, per i lavori, e, per i servizi e le forniture, di almeno cinque operatori economici individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti. I lavori possono essere eseguiti anche in amministrazione diretta, fatto salvo l’acquisto e il
noleggio di mezzi, per i quali si applica comunque la procedura di cui al periodo precedente. L’avviso sui risultati della procedura di affidamento contiene l’indicazione anche dei soggetti invitati”;

*

Breve disamina:

  1. LAVORI: sembra che sia consentito l’affidamento diretto (da 40.000€) per importi inferiori a 150.000 € previa “valutazione” di tre preventivi (ove esistenti?!?!);
  2. SERVIZI e FORNITURE: sembra sia consentito l’affidamento diretto (da 40.000€) per importi inferiori alle soglie di cui all’art. 35 previa “valutazione” di almeno 5 operatori economici (qui sicuramente esistenti) individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici; evidentemente è saltato un pezzo;
  3. resta fermo, in ogni caso, il principio di rotazione degli inviti;
  4. l’avviso sui risultati della procedura di affidamento contiene l’indicazione anche dei soggetti invitati”.

Preliminari osservazioni:

  1. chiaro il meccanismo dei lavori: la valutazione di tre preventivi…non troppo chiaro cosa si debba intendere “ove esistenti” (refuso che si dovrebbe riferire al caso nel quale il mercato sia talmente chiuso da non permettere di reperire almeno XX numero di operatori economici – corretto se riferito, quindi, ad un operatore economico, incomprensibile il riferimento al “preventivo”. Quest’ultimo se lo chiedo esiste, se non lo chiedo non esiste);
  2. nei lavori non è necessario passare tramite l’indagine di mercato o da un elenco (se la punteggiatura ha un senso…tale fattispecie è da riferirsi solo al caso dei servizi e forniture);
  3. nei servizi e forniture si cambia rotta…non valuto più i “preventivi”…ma valuto l’operatore economico! Gli operatori da valutare sono, invece, individuati sulla base di indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici.
  4. Si applica il principio di rotazione degli inviti: dubbio: la richiesta di preventivo è un “invito”?;
  5. Infine, l’avviso sui risultati della procedura: quindi l’affidamento diretto è una procedura?  Magari procedura negoziata? Infine, vedasi ancora il punto 4 sui soggetti da indicare in tale avviso.

Scarica il testo approvato al senato